circospetto! genova da un altro punto di vista

[Foto / Social] San Benigno, aperta la nuova SuperCoop “A. Negro” (1975)

Posted in città by circospetto on 9 marzo 2016

Coop A. Negro, 1975

Via la pagina Facebook di LegaCoop Liguria: “In piazzale San Benigno il nuovo ‘Supercoop’. GENOVA – Piazzale san Benigno: un obiettivo per anni perseguito è diventato realtà – La nuova sede”, Il Cooperatore Portuale, Bollettino della Cooperativa ‘A. Negro’, luglio-dicembre 1975

Puntate precedenti[Luoghi insoliti] Alla Fiumara, dentro la Coop che inaugura domani
[Foto] Arte: attenzione, la Venere della Coop non è di Botticelli
[Foto] Grossa crisi: in Coop va a ruba il pandolce Grondona a € 8,90
[Fotogalleria] Zerbino, curiosità per la nuova Coop
Intervallo: cronache del telefonino, Suor Nausicaa all’IperCoop
Belandi! Buone feste da Busalla, allegria alla Coop
Corso Europa, oggi apre la nuova libreria Coop

Annunci

Commenti disabilitati su [Foto / Social] San Benigno, aperta la nuova SuperCoop “A. Negro” (1975)

Primi freddi e corsie gialle: controllori AMT in “agguato” al calduccio?

Posted in città, cronache del telefonino by circospetto on 24 ottobre 2008

Dopo gli appostamenti estivi in piazza Cavour (e dopo le polemiche che hanno seguito i video finiti su YT), sembra che la caccia “nascosta e surrettizia” al trasgressore della corsia gialla si sia spostato a San Benigno, a giudicare dal video pubblicato oggi da servicenews, che scrive:

Due controllori AMT, in via Milano a Genova, di nascosto, prendono nota delle targhe di chi va sulle corsie gialle anche per pochi metri. E’ accaduto dal 20 al 24 ottobre 2008. Complimenti!

“Milletrecento genovesi” scriveva qualche giorno fa Daniele Grillo sul Secolo, “continuano a passare ogni giorno su una delle undici corsie gialle monitorate dalle videocamere di Amt.” Meglio precisare: 1300 sono i verbali stesi ogni giorno, che “significa più di 90 mila euro di incassi al giorno per il Comune, più di 2 milioni e 700 mila euro al mese. Denaro che – come promesso a più riprese dall’amministrazione – servirà a migliorare la mobilità a Genova.”

Commenti disabilitati su Primi freddi e corsie gialle: controllori AMT in “agguato” al calduccio?

ACAB, writers alpinisti all’assalto di San Benigno

Posted in città, epigrafia urbana by circospetto on 4 giugno 2008

Il muraglione alle spalle di via Cantore – via Dino Col un tempo guardava l’imbocco della “camionabile” Genova-Valle del Po e sul piazzale, l’allora Piazza d’armi, venivano riuniti i Balilla per le esercitazioni paramilitari.

Sul muraglione di contenimento sono apparse (in tempi diversi? sono entrambe gialle, ma il giallo è differente) due scritte, tracciate (probabilmente) durante la notte da qualcuno appeso pericolosamente lungo il fianco ripido della parete.

(more…)

Commenti disabilitati su ACAB, writers alpinisti all’assalto di San Benigno

Reportage. Quando ti abbattono la casa

Posted in reportage by circospetto on 3 novembre 2007

È un po’ come la storia dell’albero che cade e nessuno lo sente: fa rumore, si chiede qualcuno? Che succede quando abbattono una casa, invece di un quartiere come Portoria negli anni Settanta? Allora, tra le tante reazioni ci fu quella di Piccun dagghe cianin, ormai un classico della canzone genovese (in quelle stanze “i compiti gh’ho faeto de latin / e gh’ho mangiòu trenette e menestroin“: potevano mancare le trenette?). Oggi, invece, di un centenario edificio dell’angiporto restano le foto che un lettore ci ha mandato insieme con il testo che segue.

[rockyou id=89542726&w=500&h=375&ver=102906]

Era una ex centrale elettrica e nei suoi uffici al primo piano, trasformati in appartamento di servizio, la mia famiglia ha abitato per un paio di decenni. Quando arrivammo, le ante che chiudevano il serbatoio dell’acqua erano ancora decorate dai dipinti del signor Bertozzi, l’inquilino che ci aveva preceduto. Ora è altro pezzetto di città che cambia, un angolo conosciuto ormai solo da qualche decina di persone, quelle che frequentano il dopolavoro del Consorzio che lo occupava. Uno scampolo di primo Novecento rimasto indietro, qualche metro sotto il livello stradale di oggi, ritagliato prima dallo sbancamento della collina di Promontorio negli anni Trenta e poi dalla nuova viabilità di San Benigno. Una struttura di cemento armato d’una certa severa bellezza (il frontone sagomato, le finestre ad arco) sostituita per forza di cose con un edificio nuovo e bianco e tutto spigoli da qualcuno che sembra aver avuto sul tavolo una monografia di architetto pubblicata da Taschen.

Certo, ha fatto impressione, vederla demolire. Speriamo che abbiano fatto attenzione, perchè il tetto della sala macchine era di Eternit, le lastre ondulate di cemento-amianto da cui l’Organizzazione mondiale della sanità ci mette in guardia da almeno vent’anni. L’angiporto degli anni Settanta non era esattamente una zona tranquilla, e in più di fronte c’è la caserma dei pompieri, e chi veniva in visita faceva un salto sulla sedia ogni volta che atterrava l’elicottero, e d’estate i giocatori di bocce facevano casino fino a tardi. Quando le ruspe abbattono una casa, specie quando è stata la tua, fa una certa impressione. Ci abbiamo abitato per vent’anni. Era stata una centrale elettrica eppure, come accade sempre quando si torna nei luoghi dell’infanzia, a rivederla sembrava quasi piccola.

Commenti disabilitati su Reportage. Quando ti abbattono la casa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: