circospetto! genova da un altro punto di vista

Sui muri, accoppiamenti giudiziosi: due modi di portare i capelli

Posted in foto del giorno by circospetto on 28 marzo 2010

Giovanni Allevi al Carlo Felice e Cinea, il Filo di Gaia al cinema Sivori.

Annunci

Commenti disabilitati su Sui muri, accoppiamenti giudiziosi: due modi di portare i capelli

Bobby Soul è Il Cattivo nel video di Alberto Terrile

Posted in musica, video by circospetto on 7 giugno 2008

In occasione della mostra Poeti immaginati di Alberto Terrile che si è inaugurata ieri, ecco il videoclip della canzone Il cattivo di Bobby Soul, regia di Matteo Righetti, “che ricorda certo cinema sperimentale primi anni 60 che si faceva con piccole cineprese e la mano che trema nel giorno delle nozze”. Dal blog di Terrile:

Partendo da un corpus di fotografie di sedute live e di backstage di Bobby Soul e Les Gastones si è mosso il progetto del clip di “Sono io il cattivo”. Invece di raccontare la canzone come oggi è d’uso abbiamo deciso di sparecchiare la tavola tornando a giocare con un pizzico di casualità e disordine. Il cantante, la band, le loro fotografie si consegnano nelle mani di un media che ritorna a parlare di sé mostrandosi. I movimenti di camera sono sporcati ed ogni effetto ottenuto altro non è se non una proiezione luminosa su oggetti inanimati, su particole di carta, legno e pelle. Le immagini fisse perdono in definizione, abbandonando la bellezza del taglio così come la loro capacità di narrare rimettendosi alla luce.

Commenti disabilitati su Bobby Soul è Il Cattivo nel video di Alberto Terrile

Sala Sivori, i “poeti immaginati” di Alberto Terrile

Posted in mostre by circospetto on 5 giugno 2008

Alberto Terrile

Oggi, alle ore 18.30 alla Sala Sivori, inaugurazione della mostra di Alberto Terrile e presentazione del volume omonimo. Dalla presentazione:

La mostra, così come Il libro che state per sfogliare è uno stralcio di “diario emozionale” dove, attraverso sembianze, gesti, pensieri, riferiti a poeti e musicisti incontrati, racconto alcuni momenti della mia esistenza. Dal ricordo affiorano i tratti di una generazione, quella a cui appartengo, una generazione che è stata giovane nel settantasette, l’ultima a sognare, quella che ha vissuto sulla pelle il terrorismo e nella carne la fine degli ideali, le piaghe della droga e dell’aids. L’estetica di un diario è funzionale a ciò che questo racchiude pagina per pagina. Talvolta l’immagine sarà più significante rispetto al testo e viceversa, ma nessuna delle due forme sarà mai stampella per l’altra , un po’ come due binari sui quali viaggia la mia vita/locomotiva.

Sala SivoriPoeti immaginati, Declinazioni fotografiche e récit mentali dal Festival Internazionale di Poesia di Genova. Con: Lawrence Ferlinghetti – Ed Sanders – Diane di Prima – Joanne Kyger – Alejandro Jodorowsky – Lou Reed – Ray Manzarek – Peter Hammill- Lydia Lunch – Howard Marks (Mr Nice). Salita Santa Caterina 12r.

Sala Sivori, stasera “finissage” del Loud Bunch di Anna Positano

Posted in eventi, musica by circospetto on 17 gennaio 2008

Anna Positano, The Loud Bunch

Oggi si chiude la mostra The Loud Bunch di Anna Positano alle ore 18 con il live act di Rocktone Rebel. “Dietro al moniker di Rocktone Rebel si nasconde una one man band genovese che si impegna nella creazione di un indie con molte influenze elettro clash”, spiega rocklab.it: ascoltare per credere. Ma “sarà un live diverso dal solito, molto più tranquillo”, spiega RR.

Rocktone Rebel

Spazio polivalente Sala Sivori, Salita Santa Caterina 12R. La mostra è visitabile negli orari di apertura del cinema (dalle 15:30 alle 24:00), ingresso libero.

Commenti disabilitati su Sala Sivori, stasera “finissage” del Loud Bunch di Anna Positano

Anna Positano, il rumore (e il sudore) della musica live alla Sala Sivori

Posted in eventi, mostre by circospetto on 13 dicembre 2007

Le Singe Blanc

Inaugura oggi alla Sala Sivori di Salita Santa Caterina (con con live set di Enrico Bosio degli En Roco) The Loud Bunch, la mostra fotografica di Anna Positano. Ecco un suo autoritratto:

anna positano, 1981. vivo a genova e studio alla facoltà di architettura; studio anche fotografia in modo autonomo e presso l’accademia ligustica di belle arti. collaboro con l’organizzazione disorder drama dal 2004, prima solamente come fotografa, attualmente elevata a mansioni di maggiore responsabilità quali supporto morale, facchinaggio, cucina e altro. ho iniziato a intrufolarmi in edifici abbandonati fin dalla tenera età, spesso senza rendermi conto dei rischi. non cerco mai di ottenere un permesso per entrare in questi posti, sono convinta che basti il tesserino universitario della facoltà di architettura da esibire alle forze dell’ordine per evitare il peggio.

La mostra The Loud Bunch, variazione sul tema del wild bunch, il ‘mucchio selvaggio”, scrive DisorderDrama.org, trasfigurato in “mucchio rumoroso”,racconta e documenta attraverso l’obiettivo fotografico, alcuni dei concerti della scena musicale indipendente.Un percorso composto da innumerevoli scatti digitali e in pellicola a colori che ritraggono i volti e i corpi contratti dei musicisti durante le performance musicali”

Spazio polivalente Sala Sivori, Salita Santa Caterina 12R. La mostra è visitabile tutti i giorni dal 13 dicembre 2007 al 17 gennaio 2008 negli orari di apertura del cinema (dalle 15:30 alle 24:00), ingresso libero. Fa parte dei Percorsi magici cura di Alberto Terrile ed è stata realizzata in collaborazione con Disorder drama.

Nell’immagine il batterista di Le Singe Blanc.

Commenti disabilitati su Anna Positano, il rumore (e il sudore) della musica live alla Sala Sivori

Anche al cinema, alla fine vince Garibaldi e l’amore trionfa

Posted in eventi by circospetto on 6 dicembre 2007

i_imille.jpg

MISILMERI (Sicilia) – Il capitano Altieri, non limitandosi alle pesanti molestie che fa subire a una ragazza madre, forte del suo grado militare le rapisce il figlio per piegarla alle sue turpi voglie.

Ma arrivano i nostri, che sono in mille e la storia di malavita si trasforma in storia di malavita e battaglia: il perfido capitano fa infatti parte dell’esercito borbonico e commette il suo crimine nei giorni dello sbarco dei garibaldini in Sicilia in un film muto del 1912, il primo realizzato sugli avvenimenti di quei giorni (e dintorni, vedi il rapimento). I Mille si proietta questa sera alle 21 nella (storica) Sala Sivori, con ingresso libero a esaurimento posti. Non anticipiamo la vicenda per non rovinarvi il divertimento, ecco solo, dal sito della Cineteca del Friuli, una breve descrizione

I Mille (1912), fotogrammaLa vicenda sentimentale, dell’amore di Corrado, ricco possidente, per Rosalia, pastorella, avversato dal padre di Corrado (nonostante i due abbiano un figlioletto), si sviluppa su uno sfondo di grande attesa: l’arrivo di Garibaldi in Sicilia. Lo sbarco di Garibaldi è sentito con la trepidazione tipica del grande evento, foriero di salvezza e di grandi prospettive unitarie ed egualitarie, e trova nel film il suo apice nella rappresentazione della battaglia di Palermo, dove il plein air è sfruttato con sapienza a inquadrare nutrite masse di garibaldini e la prospettiva architettonica conferisce realismo e vivezza alle scene d’interni, non più immiserite dal tradizionale fondale di tela. La vittoria di Garibaldi a Palermo coincide con il trionfo dell’amore tra Corrado e Rosalia, in una perfetta specularità tra le sorti dell’Italia e quelle della famiglia: finalmente unite.

Il film è muto, ma la proiezione è accompagnata da una colonna sonora dal vivo, eseguita al pianoforte dalla stessa autrice, Francesca Badalini. Ecco come ha descritto il suo lavoro:

al contrario di ciò che ci si potrebbe aspettare, la figura di Garibaldi compare soltanto nel finale: per tutta la durata del film gli avvenimenti della storia d’Italia sono visti dalla prospettiva delle persone comuni che hanno creduto in Garibaldi e nel suo ideale politico. Scrivendo la musica per questo film ho quindi cercato di evidenziare sostanzialmente due componenti: quella sorta di afflato epico corale, “popolare” che pervade il film, e che pare accomunare tutti, poveri e ricchi, padre e figlio divisi da dissapori… dall’altra l’aspetto amoroso che tanta parte ha in questa vicenda.

I MILLE (S.A. Ambrosio, Torino, IT 1912) – Regia Alberto Degli Abbati; f.: Giovanni Vitrotti; cast: Mary Cléo Tarlarini, Vitale De Stefano, Oreste Grandi, Cesare Zocchi; imbibito, mt. 920., 18 fps, data uscita: 6.12.1912; fonte copia: Cineteca italiana, Milano.Didascalie italiane. Il restauro del film è stato realizzato dalla Fondazione Cineteca Italiana, presso il Laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna, e grazie alla collaborazione di Brescia Musei, del Museo Nazionale del Cinema di Torino e della Cineteca D.W. Griffith di Genova.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: