circospetto! genova da un altro punto di vista

Nando dalla Chiesa: il “Grande Tappo”, dalla Repubblica di ieri

Posted in notizie by circospetto on 12 gennaio 2010

Siamo grati al blog di Nando dalla Chiesa che ci evita di dover trascrivere i suoi interventi dalla Repubblica di carta. Oggi, ad esempio, in un post ha ripubblicato l’analisi per punti del “resistentissimo tappo -amministrativo, politico, mediatico, corporativo- che impedisce alle tante scintille di novità di farsi cultura dirigente”, una lista uscita ieri che vale la pena di essere riletta anche oggi:

  • Quelli che quando cammini bisogna coordinarsi con chi sta seduto,
  • Quelli che qui ci sono già abbastanza intellettuali e artisti (mica siamo a New York o a Berlino…),
  • Quelli che se Gesù Bambino suona la batteria in De Ferrari corrono a chiedere il parere ai commercianti,
  • Quelli che se Gesù Bambino suona il sassofono, ci avevate detto la batteria, (more…)
Annunci

“Natale in casa Pescetto”, Marco Preve ha l’altra campana

Posted in città, tardi ma arriviamo by circospetto on 11 gennaio 2010

Ancora sul Natale, e questa volta non a proposito dei mercatini, anche se ci siamo lasciati la data alle spalle. L’occasione è un intervento di Nando dalla Chiesa, pubblicato su Repubblica (di carta) e sul suo blog

scrivevamo il 28 dicembre a proposito dell’accoglienza dell’allora consulente del Sindaco al suo arrivo in città nella notte del grande gelo:

[…] A un certo punto una voce furente mi assale da dietro. “Già non si può stare sullo scalino, ma dentro è veramente troppo.”Mi volto sorpreso e vedo uno con un camice verde e un distintivo da farmacista che mi guarda con astio. Oddio cos’ho fatto, penso. Lui imperversa: “Così mi fa aprire le porte automatiche.” […]

Il Blog di Marco Preve è aggiornato con la replica del farmacista in questione:

[…] Dall’alto della sua spocchia il buon Nando non si preoccupa minimamente di mettersi in dubbio: la sua versione dei fatti è quella reale e non si discute!
Peccato che il suo articolo sia farcito da patetiche menzogne alcune delle quali ne denotano incongruenze! (more…)

Nando dalla Chiesa, “Natale in casa Pescetto”

Posted in città by circospetto on 28 dicembre 2009

Ancora sul Natale, e questa volta non a proposito dei mercatini, anche se ci siamo lasciati la data alle spalle. L’occasione è un intervento di Nando dalla Chiesa, pubblicato su Repubblica (di carta) e sul suo blog. Il tema, se si volesse scherzare, sarebbe da catalogare sotto l’etichetta della “torta di riso” che è finita, dell’immagine che spesso la città dà di sé al resto del mondo con quella sua affabilità capace di cartavetrare i mobili. Intendevamo ripubblicarlo, visto che sul sito di Repubblica non c’era (e sul giornale del giorno prima, come si sa, ci s’involta il pesce) e l’abbiamo trascritto, salvo poi scoprirlo sul blog del dalla Chiesa medesimo (che da poco non è più consulente del Sindaco all’immagine della città – purtroppo, secondo noi – ma si occuperà solo della “Città dei Diritti”, vedi l‘articolo di qualche giorno fa di Wanda Valli).  Le righe che abbiamo tagliato per brevità, dunque, le trovate nel post dell’autore.

Chissà come sarà il Natale in casa Pescetto. Non è che una curiosa bizzarria. E ve ne spiegherò la ragione in questo raccontino autobiografico. L’altra sera, quella del grande gelo, sono arrivato a Principe verso le nove di sera. Viaggio avventuroso con premio finale: in stazione niente taxi e folto gruppo di viaggiatori in attesa. Decido di andare a piedi con il mio borsone per via Balbi ma, fatti pochi passi, iniziano ad arrivare folate di vento gelido. Cerco rifugio alla mia sinistra. Vedendo quattro o cinque ragazze sistemate su uno scalino che mi sembra proteggerle dal vento, ci salgo anch’io e mi metto dietro di loro, senza neanche rendermi conto di dove sono: ho gli occhi che lacrimano per il freddo e penso solo a quel che succede in strada. A un certo punto una voce furente mi assale da dietro. “Già non si può stare sullo scalino, ma dentro è veramente troppo.” Mi volto sorpreso e vedo uno con un camice verde e un distintivo da farmacista che mi guarda con astio. Oddio cos’ho fatto, penso. Lui imperversa: “Così mi fa aprire le porte automatiche.” Io realizzo di essere in un mini-atrio che dà sull’ingresso di una farmacia. […] (more…)

Capodanno 2010, cosa fare in città: il programma (quasi) definitivo

Posted in eventi by circospetto on 9 dicembre 2009

Come l’anno scorso, tutte le info ufficiali del Comune sono sul sito dell‘UrbanLab. E come l’anno scorso ci sono stati i mugugni preventivi: «Abbiamo scelto – spiega Nando dalla Chiesa al Giornale – un programma di appuntamenti nuovo e di qualità rinunciando ai grandi nomi della musica leggera.»

Pochino, almeno secondo quanto dichiarato dagli albergatori l’altro giorno, che si sono lamentati pure del ritardo con cui il Comune ha presentato le iniziative. «Gli uffici comunali – aggiunge polemicamente Dalla Chiesa – ieri hanno fatto un breve sondaggio fra ventidue hotel genovesi che rappresentano circa l’ottanta per cento dei posti letto in città. Il risultato è che dall’80 al 100 per cento delle camere sono state vendute. Significa che sono stati prenotati 3200 posti letto. Molti gli stranieri».

(Aperta parentesi: mugugnano, ma sul sito dell’associazione albergatori, al 31/12, del capodanno non si parla neppure [WebCitation], e questo è il loro modo di fare promozione? Chiusa parentesi.) Il sito dell’AMT ha pubblicato tutte le info sulle modifiche della viabilità e dei trasporti pubblici per questa notte. E noi, nel nostro piccolo, un po’ per volta abbiamo raccolto le notizie e aggiornato l’elenco delle proposte e degli eventi che fortunatamente sono spuntati un giorno dopo l’altro. (more…)

Largo Lanfranco, il video del No B Day (ieri)

Posted in città, video by circospetto on 6 dicembre 2009

(more…)

Commenti disabilitati su Largo Lanfranco, il video del No B Day (ieri)

Natale al Carlo Felice: di Pinocchio non ce n’è uno solo!

Posted in eventi by circospetto on 20 dicembre 2008

Nel video, un irriconoscibile Vittorio Gassman / il Pescatore Verde nel Pinocchio (1947) di Gianetto Guardone. Ci scrive la rivista Andersen:

sabato 20 dicembre, alle ore 16, presso l’Auditorium del Teatro Carlo Felice, il Comune di Genova, in collaborazione con la Fondazione Teatro Carlo Felice e la rivista Andersen e il “Premio Andersen-Il mondo dell’infanzia”, organizza

DI PINOCCHIO NON CE N’E’ UNO SOLO! Consigli natalizi per piccoli lettori.
Un incontro a più voci, animato da letture e proiezioni, per scoprire la varietà e la ricchezza dei libri per l’infanzia. Tanti spunti originali e divertenti per aiutare genitori, nonni e amici a regalare ad ogni bambino il libro più vicino ai suoi gusti e interessi. “L’evento inaugura il ciclo di incontri ‘Invito alla lettura’ che si svolgerà con appuntamenti mensili con l’obiettivo di valorizzare l’importanza dei libri nella loro funzione formativa per i lettori di tutte le età”, annuncia Nando Dalla Chiesa, consulente del Comune di Genova per la promozione della città.

Interventi, consigli e letture di Pino Boero (docente di Letteratura per l’infanzia, Università di Genova), Walter Fochesato (storico dell’illustrazione e di libri per ragazzi), Anselmo Roveda (educatore e scrittore per bambini), Barbara Schiaffino (direttore della rivista ANDERSEN).

Al termine dell’incontro verranno offerti in dono ai piccoli partecipanti poster, giornalini, puzzle e segnalibri.

Commenti disabilitati su Natale al Carlo Felice: di Pinocchio non ce n’è uno solo!

Nando Dalla Chiesa (punto it), “Genova città aperta”

Posted in città by circospetto on 21 settembre 2008

Da Repubblica, prima, e dal blog, poi:

Ci sono immagini che parlano più dei dati statistici. E la notte bianca ne ha offerte molte. Una in particolare dovrebbe diventare un francobollo d’epoca. Quella delle infinite famiglie che percorrevano le vie di Genova verso le sette del pomeriggio munite di piccolo ombrello o giacca impermeabile o k-way. Persone di tutte le età che sono uscite di casa sapendo che la serata sarebbe stata un po’ turbolenta. Perfettamente consapevoli che un po’ di pioggia ci sarebbe stata. E che invece di chiedersi neghittose “ma chi ce lo fa fare di bagnarci?” sono uscite lo stesso. Decise ad affrontare lo scroscio di mezz’ora, o un po’ di pioggia a intermittenza. Per esserci, per partecipare, per condividere una idea di città. Aperta, vivace, allegra, socievole. E perciò più gradevole. […]

Non si proponeva una star da vedere gratis, né Madonna né Vasco, ma una qualità di vita. Sarebbe giusto – sarebbe ora, starei per dire – che di fronte a questi messaggi cadesse il vieto luogo comune di considerare questo tipo di eventi alla stregua dei “circenses”, così da contrapporli a quelli che vengono definiti i “veri bisogni sociali”. […] Per rispondere a un bisogno avvertito prima di tutto da chi è più solo e ha meno mezzi. Ma anche da chi sa che il suo denaro non gli basterà mai per avere il piacere (impagabile, appunto) di vivere in una città socievole. In tempi di riformismi incerti sarebbe bello se la lezione dell’altra notte venisse colta fino in fondo.

[Leggi tutto l’articolo]

Commenti disabilitati su Nando Dalla Chiesa (punto it), “Genova città aperta”

Palazzo Tursi 2.0, upgrade con Andrea Ranieri e Nando Dalla Chiesa

Posted in notizie by circospetto on 28 Mag 2008

Nando Dalla Chiesa

Foto di Nando Dalla Chiesa di RosyBindi (giuro) di Louise Bonzoni dalle pagine su Flickr di Rosy BindiCreative Commons

Ieri intervento in aula del(la) Sindaco per portare la giunta e la città fuori dalle secche (anche) con nomi nuovi. Scrive il Secolo di oggi:

Gli assi nella manica sono l’ex sindacalista della Cgil Andrea Ranieri, che entra a far parte della giunta con la delega alla Cultura (si occuperà anche di conferenze strategiche, di università e politecnico) e l’ex sottosegretario Nando Dalla Chiesa che, nelle vesti di consulente, si occuperà di promozione della città, assolvendo in pieno (anche se non sarà portavoce) al ruolo che era già stato di Stefano Francesca, uno degli arrestati. Persone «di altissimo livello» che hanno colto il «sentire di una città che palpita e che ha voglia di farcela».

Accompagnano l’articolo due brevi interviste alle new entries (Dalla Chiesa, fresco reduce del Mantova Musica Festival: “Spero di far bene, nel campo dell’organizzazione culturale ho già lavorato molto, credo, senza superbia, con successo.” | Ranieri: “Il mio faro è il modello d’Europa di Jacques Delors: competitività e coesione attraverso la conoscenza.”)

Del primo, già noto, ci accontentiamo di una fotografia; del secondo, invece, ecco una video-intervista di Sergio Ragone, Sinistra giovanile della Basilicata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: