circospetto! genova da un altro punto di vista

[Foto] STREET ART WAR! Tiler vs. Melina Riccio (in centro e fuori)

Posted in città by circospetto on 4 febbraio 2017

Commenti disabilitati su [Foto] STREET ART WAR! Tiler vs. Melina Riccio (in centro e fuori)

[Epigrafia urbana] Brignole, i nemici del modernismo etilico

Posted in epigrafia urbana by circospetto on 28 febbraio 2016

Brignole, nemici del modernismo etilico

Ex palazzo delle poste, feat. Melina Riccio.

Puntate precedentiMolti, molti altri post sono stati dedicati al tema in anni recenti

Commenti disabilitati su [Epigrafia urbana] Brignole, i nemici del modernismo etilico

Art War! Melina Riccio (2015) verdura vs. Vincenzo Giani (1863) bronzo

Posted in arte, città by circospetto on 13 aprile 2015

Vincenzo Giani, Balilla (1863)

Pammatone, di fronte al Tribunale.

Melina Riccio edizione vegetale

(more…)

Commenti disabilitati su Art War! Melina Riccio (2015) verdura vs. Vincenzo Giani (1863) bronzo

[Foto] Art War! A Corvetto, studenti di ColoriAmo vs. Melina Riccio

Posted in arte by circospetto on 19 febbraio 2015

ColoriAmo a Corvetto vs. Melina Riccio

I “ragazzi, con secchi e pennelli, erano già pronti a mettersi all’opera all’indomani dell’Epifania, però un vigile urbano scrupoloso li aveva fermati: non avevano i permessi”, scriveva il Secolo XIX un paio di settimane fa: riparte infatti ColoriAmo nei sottopassaggi di piazza Corvetto, e subito sparisce il “graffito” di Melina Riccio (nella foto sotto). Già cancellato per metà a gennaio, e “restaurato” dall’artista, è stato ricoperto definitivamente nei giorni scorsi dagli studenti (foto sopra).

Melina Riccio, ETERNA GLORIA (cancellato)

(more…)

Commenti disabilitati su [Foto] Art War! A Corvetto, studenti di ColoriAmo vs. Melina Riccio

[Foto] Art War! Melina Riccio vs. graffitaro vs. Banksy vs. Tarantino

Posted in arte, città by circospetto on 29 maggio 2014

Melina Riccio vs. la replica di Banksy

Sopra: ad Architettura, l’intervento di Melina Riccio su una replica (di anonimo) di un’opera di Banksy (circa 2001) ispirata a Pulp Fiction di Tarantino. Sotto, nello scatto di febodyed via Deviantart l’opera originale, cancellata a Londra da una ditta di pulizie nel 2007. (more…)

Commenti disabilitati su [Foto] Art War! Melina Riccio vs. graffitaro vs. Banksy vs. Tarantino

[Facebook] Foto: Melina Riccio su Marte

Posted in città by circospetto on 17 ottobre 2013

Melina Riccio su Marte

“Belin, anche qui?” Se qualcuno ci desse un link all’autore saremmo anche più contenti. (more…)

Tagged with:

Commenti disabilitati su [Facebook] Foto: Melina Riccio su Marte

Hope? Obey Propaganda! Centro storico, le T-shirt di Shepard Fairey

Posted in città by circospetto on 17 novembre 2010

Se non avete mai visto questa immagine o una delle sue infinite variazioni negli ultimi due anni, allora vuol dire che vivete sotto un sasso (e quindi non state nemmeno leggendo questo post). L’artista (ex di strada, ma non ex del tutto, ora da museo) è Shepard Fairey, che è stato un po’ per l’America degli anni Duemila (se si può usare quest’espressione) quello che ha portato i graffiti fuori dell’underground, come Banksy per l’Inghilterra, e come a suo modo aveva fatto Keith Haring negli anni Ottanta – con un tocco politico in più: recuperare lo stile della propaganda totalitaria e girarlo su se stesso, riutilizzandolo per lo scopo opposto.

L’avevamo lasciato in prigione a Boston, arrestato proprio mentre andava all’inaugurazione della sua personale al locale Institute of Contemporary Art per l’inaugurazione della sua mostra personale. L’accusa? Graffiti: l’aver “taggato” (prima che Facebook si appropriasse nel linguaggio comune del termine) uno o più muri di proprietà privata. Ma era l’anno scorso. Nel frattempo ha continuato a lavorare (anche fuori del campo della grafica, intervistando un musicista come Pharrell Williams) realizzando un grande murale a Providence (Rhode Island) a luglio, ad esempio (video), e la settimana scorsa tre sue stampe sono state vendute a più di dieci volte il prezzo di stima ad un’asta benefica a New York). Il suo motto (iniziale, che ricorreva nei tag) era Obey Giant, perché André the Giant, spiegava, has a posse. Tutto torna: ObeyGiant è anche il sito dell’artista, attraverso il quale si possono scoprire gli sviluppi delle faccende in cui è coinvolto (la causa con l’Associated Press per via dell’immagine che ha usato per il famoso poster), scoprire dove espone ma anche acquistare le grafiche a tiratura limitata che produce – prima che al posto del prezzo appaia la scritta sold out.

Inevitabile che questo genere di immagini finisse sulle t-shirt: da noi, ad esempio, le si trovano in Stradone Sant’Agostino, vicino ad Architettura e a quell’omaggio locale al famoso graffito di Banksy (rieccolo) su cui è “intervenuta” (diciamo così) Melina Riccio [fan site | Facebook | YouTube], la nostra outsider artist in residence (ma questo è un altro post). Obbedite alla propaganda, ora sapete come fare.

Kiss Polly [web | Facebook], Stradone Sant’Agostino.  (more…)

Commenti disabilitati su Hope? Obey Propaganda! Centro storico, le T-shirt di Shepard Fairey

Cultura e outsider art, mash-up negli auguri di Natale di bitc(h)

Posted in arte, città by circospetto on 23 dicembre 2009

Libreria Books in the Casba feat. Melina Riccio! Anche qui, Wikipedia soccorre il neofita. “il termine inglese Outsider Art è applicato spesso più largamente, per includere gli autodidatti o i creatori di Arte naïve che non si sono mai istituzionalizzati. Generalmente, quelli identificati come Outsider Art hanno poco o nessun contatto con le istituzioni del mondo tradizionale d’arte”.

Puntate precedenti

Involontario mash-up culturale: Donna Loka + Cepu = Alfieri
Mash-up sui muri: Otto Hofmann Extreme Motor Show
Lunedì mash-up 1934-2006: Fedde Le Grand vs. Wilson & Keppel
Lunedì musica: due che hanno sbagliato, Tupac e Ornella

Commenti disabilitati su Cultura e outsider art, mash-up negli auguri di Natale di bitc(h)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: