circospetto! genova da un altro punto di vista

[Fotogalleria] Arte: Villa Croce, “VX30 Chaotic passion” fino al 20 marzo

Posted in arte by circospetto on 17 dicembre 2015

A cura di Anna Lovecchio e CHAN. Scrive il museo:

Se, come sostiene Walter Benjamin, nel collezionismo “tutte le passioni sconfinano nel caos” in una continua tensione tra i due poli di ordine e disordine, si può dire lo stesso della collezione di un museo? La mostra Chaotic Passion, ideata in occasione del trentennale del Museo di Villa Croce, intende esplorare questa relazione dialettica innescando un dialogo fra le opere storiche della collezione e quelle prodotte nel corso degli ultimi dieci anni da una nuova generazione di artisti.

Puntate precedentiHow much art can you take? Danilo Correale da CHAN
[Foto] Panissette e vino bianco, street food nel parco di Villa Croce
[Social] Villa Croce sta per svelare il programma 2015
[Foto] Fronzoni a Villa Croce, col Secolo XIX una punta di cronaca nera
[Video] Villa Croce, Bonacossa presenta “HOMEY” di Thomas Grünfeld
[Foto] “HOMEY”, si installa Thomas Grünfeld a Villa Croce
[Facebook] In diretta (quasi) da Villa Croce, Jackie Saccoccio
High Gospel: Villa Croce, Ilaria Bonacossa presenta Alberto Tadiello
Video (del Secolo): Villa Croce, intervista a Ilaria Bonacossa
Fermate le rotative: Ilaria Bonacossa è la nuova curatrice di Villa Croce
Villa Croce, |mu|mù – musica nei musei (ma anche in giardino)
Villa Croce, gli Humans di Stefania Galegati in giro per il mondo
Villa Croce, quarant’anni di (storia della) videoarte in Germania
Villa Croce – Piove! Chi vuole partecipare a un happening?
[Immemorabilia] Bonessio di Terzet: Genova, città fantasma? (1998)
Video: Londra, arte astratta dalle collezioni liguri alla Estorick Collection
Mostre viste a pezzetti: TUTTOCCHI, Fadda / Amabile e Fabbian

Annunci

Commenti disabilitati su [Fotogalleria] Arte: Villa Croce, “VX30 Chaotic passion” fino al 20 marzo

How much art can you take? Danilo Correale da CHAN

Posted in arte by circospetto on 20 ottobre 2009

how much art can you take?

…e in giro, negli spazi delle affissioni. Scrive il sito della galleria (la mostra chiude domani il 21 novembre):

How much art can you take? nasce da un archivio visivo che Danilo Correale ha costituito negli anni attraverso l’interesse alla scena Metal, Hardcore, Punk e underground in genere, che costituisce una documentazione “spontanea” di questo immaginario culturale e sociale. Il nome del progetto è tratto da un brano degli SS Decontrol , gruppo Straight Edge Hardcore nato a Boston nei primi anni ’80, che con questa canzone sfidava causticamente la situazione della creazione artistico/musicale contemporanea.

How much art can you take? nasce quindi da una doppia riflessione, basata da un lato sulla raccolta del materiale visivo legato alla scena Underground tra fine anni ’80 e inizio 2000, dall’altro su un problema legato al significato sociale che tali situazioni racchiudono al loro interno.

Tagged with: ,

Commenti disabilitati su How much art can you take? Danilo Correale da CHAN

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: