circospetto! genova da un altro punto di vista

[Foto | Video] “Infinita ricomposizione”, Cesare Viel da Pinksummer

Posted in arte by circospetto on 22 aprile 2015

Pinksummer In questa terza personale da pinksummer “Infinita Ricomposizione”, il demone della scrittura che ha connotato, in forma pura o spuria, lunghezza e profondità del tuo percorso, sembra avere abbandonato il piano d’esperienza per il colore. L’uso che fai del colore e non a caso muovi dagli à plats a-mimetici di Matisse, è assimilabile all’uso che in altri piani empirici hai fatto dei concetti. Ricomposizione potrebbe anche significare riattivazione in questo caso. In “Che cos’è la filosofia” Gilles Deleuze e Félix Guattari dicono che il concetto è questione di articolazione, di ritaglio e di accostamento, premettendo che il concetto non è mai cosa semplice. Verrebbe da pensare che anche i colori primari (semplici?) non esistono se non dentro all’approssimazione/semplificazione del linguaggio. Perché hai deciso di partire da Matisse per intraprendere questo cammino linguistico/ sensoriale?

Cesare Viel Mi sento di dire che Matisse in fondo è legato alla mia biografia. È stato il primo artista che ho casualmente scoperto a scuola, per conto mio, intorno ai 13 anni, e che mi ha realmente aperto un mondo: le avanguardie del Novecento. È dunque, prima di tutto forse anche un ritorno all’origine, e un fare i conti con questa “lunga storia d’amore”, rimasta in sospeso, in attesa di essere riattivata, eppure sempre sordamente lì sottotraccia. Ogni tanto Matisse riaffiorava nella mia mente e poi scompariva di nuovo, sovrastato da altri stimoli, altre differenti e apparentemente più aggiornate necessità. Adesso è arrivato il momento giusto. Ora la “macchina-Matisse”, con tutta la sua energia, la sua forza, si è messa in moto dentro di me, si è fatta ri-sentire.

Puntate precedentiScultura al Ducale: Alis/Filliol, «Check Your Totem» @ Pinksummer
Video: Georgina Starr, «The Joyful Mysteries of Junior» da Pinksummer
Video: «Zuffi per Bonami» da Pinksummer (lo scorso dicembre)
Pinksummer, personale di Cesare Viel
Villa Croce, gli Humans di Stefania Galegati in giro per il mondo
Palazzo Ducale, Starr e il ritorno (muto) di Theda Bara
Saraceno a Palazzo Ducale, ultimo giorno

Commenti disabilitati su [Foto | Video] “Infinita ricomposizione”, Cesare Viel da Pinksummer

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: