circospetto! genova da un altro punto di vista

Epigrafia urbana: c’è grossa crisi e quindi «Non c’è niente da rubare»

Posted in epigrafia urbana by circospetto on 1 febbraio 2013

Sciò, non c'è niente da rubare

…in questo motocaravan parcheggiato per strada in Albaro, non lontano (oltretutto) dal comando dei Carabinieri. 

Puntate precedentiTelecamere, un altro esempio di “via genovese” alla sorveglianza
Telecamere in città: teniamo d’occhio i futuri architetti!
Teniamo d’occhio i futuri architetti! (Parte seconda)
Sorridi! La via genovese (ed economica) al controllo
Epigrafia urbana: “Era un modo diverso per vivere la città…”
Intervallo: che fa il savio ciclista urbano quando ha una sola catena
Astuzie edilizie: come non farsi rubare le betoniere di notte
Bici in città, ecco cosa resta quando ne rubano una
Ricette di Natale 2008, stoccafisso accomodato alla malandrina
Fare la spesa sul posto di lavoro non è una buona idea: 4 arresti

Commenti disabilitati su Epigrafia urbana: c’è grossa crisi e quindi «Non c’è niente da rubare»

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: