circospetto! genova da un altro punto di vista

Vita digitale: i musei della duchessa sono online su Google Art Project

Posted in vita digitale by circospetto on 24 novembre 2012

…da quasi un mese, anche se non se n’è parlato molto, con immagini di grandi dimensioni di una scelta di opere:

«Google continua il suo viaggio virtuale alla scoperta dei musei più importanti del mondo aggiungendone 29 al suo già cospicuo database online. Tra i nuovi arrivati, quattro musei italiani. Si tratta della Fondazione Musei Senesi, i Musei di Strada Nuova a Genova, il Museo Poldi Pezzoli a Milano e del Museo di Palazzo Vecchio a Firenze che si affiancano ora alla Galleria degli Uffizi e ai Musei Capitolini già partner di Google Art Project rispettivamente dal febbraio 2011 e dall’aprile 2012»

scrive Repubblica (nazionale). Neanche il Secolo, più vicino a noi, si scosta molto dal comunicato stampa e prosegue:

«L’ingresso dei musei italiani fa parte di un’estensione internazionale del progetto che porta a un totale di 180, in 40 paesi, le collaborazioni culturali: ognuna delle strutture coinvolte ha lavorato a stretto contatto con Google, offrendo la propria consulenza ed esperienza in tutte le fasi del progetto, dalla scelta delle opere all’angolatura delle foto, sino alle informazioni fornite a corredo.»

Tanto vale andarsi a leggere il testo alla fonte su GooglePressIT; lo riportiamo qui sotto, dopo il salto, con un po’ di slideshow.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Art Project, l’esclusivo progetto di Google in collaborazione con alcuni dei più rinomati musei d’arte del mondo, giunge alla terza edizione e si arricchisce oggi di 29 nuovi prestigiosi partner provenienti da 14 diversi Paesi.

Tra i grandi protagonisti di questa straordinaria integrazione, che porta a quota 35mila il numero complessivo di opere d’arte ammirabili da chiunque in rete in alta risoluzione, spiccano quattro eccellenze tutte italiane: il Museo Poldi Pezzoli (Milano), i Musei Senesi (Siena), i Musei di Strada Nuova (Genova) e il Museo di Palazzo Vecchio (Firenze).

Cresce così il contributo dell’Italia alla diffusione e alla promozione dell’arte e della cultura online: i quattro musei si aggiungono infatti alla Galleria degli Uffizi (Firenze) e ai Musei Capitolini (Roma), partner di Google Art Project rispettivamente dal febbraio 2011 e dall’aprile 2012.

L’ingresso dei quattro musei italiani in Google Art Project fa parte di un’estensione internazionale del progetto, che oggi conta ben 180 collaborazioni in 40 Paesi; tra le novità si contano realtà come il Museo d’Arte Moderna di Istanbul, la Art Gallery of South Australia, il Museo Larco di Arte Precolombiana (Perù), il National Ballet of Canada e moltissime altre, ora visitabili ed esplorabili da tutti liberamente via Internet.

Ognuno dei musei coinvolti ha lavorato a stretto contatto con Google, offrendo la propria consulenza ed esperienza in tutte le fasi del progetto, dalla scelta delle opere all’angolatura degli scatti, fino alle informazioni fornite a corredo di ogni opera.

Con questa terza edizione, oltre ad ampliare il ventaglio delle partnership, Google ha anche integrato la piattaforma Art Project con due nuove funzioni, utili a rendere l’esperienza degli utenti ancora più intensa e interattiva:

  • “Confronta”, che consente di esaminare due opere d’arte in parallelo. La funzione rende possibili approfondimenti didattici, permettendo di analizzare, per esempio, l’evoluzione tecnica di uno stesso artista nel tempo, contaminazioni artistiche tra culture differenti oppure, ancora, due dettagli di una stessa opera. Per esempio, affiancando il primo bozzetto de “La linea della vita” di Winslow Homer – collezione Cooper-Hewitt, National Design Museum di New York – con la tela definitiva esposta al Philadelphia Museum of Art, è possibile studiare e comprendere come la visione dell’artista sia maturata nel corso del tempo.
  • L’applicazione “Hangout”, che consente di creare una visita virtuale personalizzata, scegliendo le proprie opere d’arte preferite tra tutte quelle presenti sulla piattaforma. Grazie all’integrazione con Google+, dove la pagina di Art Project conta più di 2 milioni di iscritti, l’utente può invitare le proprie cerchie di amici a prendere parte al tour e avviare così una discussione sul percorso artistico ideato. La stessa funzione consente anche di prendere parte ai tour creati dagli esperti e di partecipare alle loro discussioni.

Queste novità si aggiungono alle caratteristiche già note e apprezzate di Art Project, che ha attratto fino ad oggi oltre 15 milioni di visitatori da tutto il mondo.

“Portare online un’opera d’arte è frutto di un grande impegno e investimento di risorse da parte dei nostri partner. E’ incredibile vedere come, in pochi anni, si sia riusciti a portare su un’unica piattaforma online un tale numero di opere d’arte”, commenta Amit Sood, alla guida di Google Art Project. “E’ un momento di grande fermento per gli appassionati di arte: i visitatori di Art Project provengono da tutto il mondo e l’interesse continua a crescere. Per questo continuiamo a sviluppare soluzioni tecnologiche sempre più sofisticate, per permettere alle persone di conoscere ed entrare in contatto con il grande patrimonio artistico del mondo.”

Puntate precedentiSaluti da eBay! L’alcova di Maria Brignole Sale, duchessa di Galliera (1919)
San Sebastiano: Genova Miami via Berlino, da Reni a Christopher Winter
Al Rosso un busto di David Mitchell 100 anni prima della sua nascita?
Sorpresa! Un lastricato rinascimentale davanti a Palazzo Rosso
Lavori in via Garibaldi, spuntano muri antichi e “i negozianti sospirano”
Quinto Potere in via Garibaldi: TeleNord a Palazzo Tursi
«Ecce Homo»: Caravaggio, da Palazzo Bianco a Fort Worth (Texas)
La macchina del tempo: il cortile di Palazzo Rosso negli anni Cinquanta
Via Garibaldi, prove tecniche di omaggio a Edoardo Sanguineti
Notte dei Musei, a Palazzo Rosso il puzzle più antico del mondo
Facce così, prorogata al 16 giugno la mostra di Gianni Ansaldi
[Papa -1] Monda l’anima dalle macchie della colpa! Il merchandising
Turbamenti a Tursi, ed ecco i mastini dell’informazione
Palazzo Rosso, si estende il network! Oggi inaugura l’m.cafè
Alla Berio, per il Progetto Marco Polo, lo sguardo (fotografico) della Cina
Arrivano i crocieristi, accogliamoli con la focaccia (e il vino bianco)
Palazzo Bianco: Paolo Veronese, La pupa e i secchioni (1570-2006)

Commenti disabilitati su Vita digitale: i musei della duchessa sono online su Google Art Project

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: