circospetto! genova da un altro punto di vista

Slow news day: Il Secolo XIX scopre i musei di Adriano Albini

Posted in architettura by circospetto on 18 agosto 2012

E l’aspetto beffardo dello svarione della scoperta dell’autore del “rilancio museale” cittadino degli anni Cinquanta è che avviene all’interno di un articolo (su carta)  in cui si riportano gli scarsi risultati ottenuti dai partecipanti alla prova d’esame per avere dalla Provincia il patentino di guida turistica.  In 0,26 secondi, Google ci suggerisce la risposta alla ricerca albini musei genova. C’è poco da raccontare, in questi giorni di solleone: un paio d’anni fa, in questo periodo, la redazione (web, in questo caso) ci aveva svelato l’esistenza di una brioche dal nome, per chi abita dalle nostre parti, un po’ impertinente.

Puntate precedentiMignotte 2.0: Il Secolo XIX e i tweet che (forse?) non ci sono
Sbatti il mostro sul giornale, ma prima rubagli la foto da Facebook
Vita digitale: che fare quando la stampa (su carta) ti “scippa” una foto? (3)
Belandi moment: dopo il biscotto francese, il croissant tedesco
Gli allarmi dell’estate 2010, a ognuno l’invasione che preferisce
Vita digitale: che fare quando la stampa (su carta) ti “scippa” una foto? (2)
Quando la stampa “ruba” le foto dal web (Il Secolo XIX)

Advertisements

Commenti disabilitati su Slow news day: Il Secolo XIX scopre i musei di Adriano Albini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: