circospetto! genova da un altro punto di vista

Quando la periferia è avanti: Pegli anni 50, villa Pallavicini in acido

Posted in città by circospetto on 24 maggio 2012

Una foto così, senza un perché. “Da fotocolor Kodak Ektachrome”, prova a sostenere il retro della cartolina.  Il fronte, con la sua aria da foto in bianco e nero colorata in fotolito, invece, sembra voler smentire l’affermazione. Perché mai lo “Stab. Grafico Cesare Capello, Milano” avrebbe dovuto mandare qualcuno a Pegli negli anni Sessanta (il francobollo, senza timbro, illustra la nascita del codice di avviamento postale, quindi è post ’67) quando in casa c’era questo bello scatto di uomo in barca?

La psichedelia era ancora al di là da venire, ma le cartoline stampate a Milano erano già in acido. “Tanti saluti e baci dalla Tua amicha Leonilda.”

Advertisements

Commenti disabilitati su Quando la periferia è avanti: Pegli anni 50, villa Pallavicini in acido

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: